top of page
Beitrag: Blog2_Post
  • Immagine del redattoreJonas

La prova di Pizza Party Ardore

Aggiornamento: 25 apr

Quasi nessun altro forno per pizza suscita così tanto scalpore in Internet come i modelli Ardore ed Emozione del produttore toscano Pizzaparty. Il bellissimo design italiano incontra la potenza di un bruciatore a gas. In questa recensione potete scoprire come si comporta rispetto al Pizzaparty Ardore nel test pizzaschaufel.ch .



Spacchettamento


L'Ardore viene consegnato via posta in una scatola poco appariscente e senza pallet (a differenza dell'Emozione, che a causa delle sue dimensioni arriva su pallet). La scatola non ci dice nemmeno il nome del forno.


L'Ardore così come ci è stato consegnato per posta.

All'interno non c'è Genotema Surl. (l'azienda del marchio Pizzaparty) è quasi interamente realizzato in plastica, mentre il cartone piegato imbottisce il forno in modo ottimale. Per un produttore piuttosto piccolo si tratta di un cinema davvero grande, che non deve nascondersi dietro il colosso del settore Ooni ( e il cui packaging lodiamo sempre al cielo ) .


Le gambe, che devono ancora essere avvitate al forno, sono laterali e il forno stesso si trova sotto il cartone imbottito.


Tirando la cinghia, il forno sorprendentemente leggero (18,4 chilogrammi) viene sollevato dalla sua scatola.


All'interno del forno si trovano le viti per le gambe, il pulsante per il regolatore, le istruzioni e - se acquistate il forno da noi - anche un tubo direttamente con un regolatore di pressione del gas svizzero.


Le due pietre biscotto sono attaccate sotto il forno.

Il corretto regolatore di pressione del gas svizzero, che ovviamente potete ottenere da noi come standard, si presenta così:


Se acquisti il forno direttamente da Pizzaparty o da un nostro concorrente, riceverai il seguente regolatore di pressione del gas:



A sinistra vedete il regolatore di pressione del gas italiano, che ovviamente non è adatto alle bombole del gas svizzere, e a destra vedete l'adattatore in dotazione che può essere avvitato. A parte il fatto che la vendita di tali riduttori di pressione del gas con adattatori è vietata in Svizzera secondo il regolamento EKAS , il riduttore di pressione del gas italiano non può essere collegato saldamente ad una bombola di gas composita svizzera. Poiché il regolatore industriale è troppo grande, non è possibile girarlo (le maniglie delle bottiglie sono d'intralcio) e poiché si utilizza un adattatore, non è possibile ruotare solo l'adattatore, perché ad ogni giro nella direzione sbagliata si allenta il nuovamente l'adattatore dal controller.



Potrebbe essere così semplice.



Quindi, se non vuoi morire o rimanere gravemente ferito in un'esplosione di gas, vale la pena acquistare da pizzaschaufel.ch - perché solo noi vendiamo le versioni omologate per la Svizzera dei forni a gas per pizza party, realizzate appositamente per noi .

 

Non ci permettiamo più di rispondere a domande riguardanti conversioni per bombole di gas CH: le stufe vengono prodotte correttamente per noi direttamente in Italia e purtroppo non possiamo correggere gli errori commessi da concorrenti di dubbia qualità.

 

L'assemblea continua. Inserire le due pietre biscotto nel Pizzaparty Ardore è un po' complicato e richiede sensibilità: aiuta anche il video dimostrativo collegato al codice QR sulle istruzioni.


Le due piastre per biscotto devono essere posizionate come una tenda (i due bordi lisci uno contro l'altro e il lato A verso l'alto) - poi potete premerle con pressione sui due bordi centrali. Le pareti interne premono leggermente verso l'esterno, il che è assolutamente normale e corretto: ciò significa che i biscotti rimangono nel forno e non possono più cadere.



Non esiste altro modo per mettere in forno i biscotti spessi 3 cm.


Senza disporre le due pietre a tenda (come descritto sopra), è impossibile metterle nel forno.

Dopo che il forno è stato assemblato e collegato al gas, il test della temperatura continua.



Riscaldare


I forni Pizzaparty non sono dotati di accensione piezoelettrica, per questo motivo ti forniamo un accendino con ogni forno.



Rodrigo del produttore Genotema lo spiega dicendo che le accensioni piezoelettriche si rompono troppo spesso e ciò che non è installato non si rompe (ovviamente è venuto al nostro incontro in Toscana - con molta simpatia - su una Dacia, il motto era quello che non Si installa, non si rompe, quindi sembra valere per tutta l'azienda). Personalmente non pensiamo che la mancanza dell'accensione piezoelettrica sia un grosso problema, ma troviamo un po' più poco pratico il controllo del flusso del gas, che non ha alcun arresto verso il basso o verso l'alto. In termini di sicurezza non è un grosso problema perché i forni sono dotati di un fusibile termico che interrompe il flusso del gas in assenza di fiamma.



 

AGGIORNAMENTO Secondo i commenti dei clienti, Pizzaparty ha ora fornito al controller un limite superiore e inferiore, cosa che accogliamo con grande favore.

 

Il regolatore del flusso di gas non proprio perfetto, qui su una fiamma media.

Il rivetto nero sul forno rappresenta il punto di orientamento. La linea sul rivetto indica assenza di flusso di gas, la fiamma grande sul rivetto indica flusso di gas massimo e la fiamma piccola sul rivetto indica flusso di gas minimo. L'esclusione del fusibile termico per avviare il forno si effettua premendo il regolatore.


Accensione del bruciatore da 6KW nel pizza party Ardores

Il forno si riscalda in tempi relativamente brevi, almeno nella versione da noi venduta con una maggiore pressione del gas.


Abbiamo effettuato una prima misurazione dopo 20 minuti a fiamma massima.


Dopo soli 20 minuti il Pizzaparty Ardore si trova leggermente al centro ad una temperatura del biscotto di 455,7 °C. Nel mezzo c'erano circa 434 °C.


L'Ardore fornisce misurazioni davvero impressionanti qui. Nonostante la sua ampia apertura e lo spessore del biscotto (3 cm), sarebbe pronto per mangiare la sua prima pizza dopo soli 20 minuti.


Naturalmente abbiamo voluto sapere più precisamente e abbiamo aspettato altri 10 minuti, sempre con la fiamma piena.


Dopo 30 minuti il forno è già a 485 °C al centro - quindi la nostra descrizione del prodotto è un po' profonda - ma siamo conosciuti così, solo per le sorprese positive.

Se la fiamma rimanesse piena, la temperatura aumenterebbe anche un po' nel tempo, ma è discutibile se ne abbia comunque bisogno. Nella parte centrale del forno abbiamo raggiunto una temperatura massima di circa 510-520°C, anche se la massima del nostro termometro di 550° è stata raggiunta anche nella zona posteriore.


Grazie alle bellissime fiamme, il lato destro è solo circa 30° meno caldo di quello sinistro, il che è sorprendente data l'ampia apertura.



Backtest


Anche questa volta ovviamente cuoceremo una pizza nel forno per poter finalmente giudicare il Pizzaparty Ardore. Ma poiché il forno è entrato stabilmente nel nostro cuore della pizza (come il Macte Voyager, ancora in uso) e lo usiamo regolarmente da diversi mesi, questa volta si tratterà addirittura di più pizze.


I pezzi di pasta aspettano solo di essere cotti.


Per uscire un po' dagli schemi, cominciamo con una Vegetariana.


Dopo un breve tempo di cottura di circa 90 secondi, la pizza era già cotta ed ecco come si presentava:



Ciò che ci è davvero piaciuto durante la cottura è stata l'enorme quantità di spazio che il pizza party Ardore offre all'interno. Abbiamo dovuto indagarlo e misurarlo.


Un Pizzaparty Ardore è largo 46 cm all'esterno, un Ooni Koda 16 è largo 58 cm Chi pensa che la superficie di cottura del Koda 16 sia anche 12 cm più larga si sorprenderà.



Il piano di cottura nell'Ardore è largo 40 cm con i bordi sporgenti di 1,5 cm ciascuno. Il piano di cottura (senza piano di manovra nella zona anteriore) nel Koda 16 è largo 42 cm. Sebbene il Koda 12 sia più largo di 12 cm, la superficie di cottura aumenta solo di 2 cm. Si potrebbe anche dire che per una pizza non servono molto più di 42 cm di superficie di cottura, il che ovviamente è vero, ma le dimensioni compatte in cui Ardore accoglie la superficie di cottura di 40 cm sono davvero impressionanti.


Allora come fa Pizza Party a ottenere così tanta manovrabilità in un forno così piccolo?


Da un lato Pizzaparty utilizza materiali isolanti di altissima qualità, che consentono pareti sottili, e il bruciatore è leggermente spostato verso l'alto, liberando così più spazio sulla superficie di cottura.


Convenientemente posizionato, il bruciatore degli Ardores.

Ulteriori risultati di cottura nei nostri test apparivano così:





PS: Non dimenticare di pulire il biscotto tra una pizza e l'altra ;)



Conclusione Il Pizzaparty Ardore non ha eguali: con dimensioni incredibilmente piccole e ancora tanto spazio di cottura, nessuno al momento può reggere il confronto. Ognuna delle pizze uscite dal nostro Ardore era ottima e il forno è riuscito a innescare il tanto noto effetto wow pur avendo già testato X forni, quindi l'Ardore riceverà un posto fisso indiscusso nella squadra del forno.


Abbiamo trovato un po’ scomodo mettere i biscotti nel forno, ma per fortuna devi metterli lì solo una volta. Per i nostri gusti, il regolatore del flusso di gas dovrebbe avere anche un limite inferiore e superiore ( aggiornamento , ora è così) in modo da evitare che la fiamma si spenga involontariamente. Ma con un po’ di pratica questo non succede più.


È meglio iniziare subito e iniziare a fare pratica da soli, con il codice BLOG20 puoi farlo a 20 franchi in meno, sia con Ardore che con Emozione.



2 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page